Pedopornografia e social network

I social network sono l’invenzione del secolo, mio marito che è argentino per esempio può interagire con i suoi familiari e amici come se fossero vicini di casa, possiamo avere contatti lavorativi, o possiamo semplicemente condividere foto per il piacere di farlo.
Ma anche qui, purtroppo, c’è il rovescio della medaglia.
In questi giorni nella App numero 1 per la condivisione di immagini sono stati scoperti oltre 3000 profili di tutto il mondo con scopi pedopornografici.
Noi nel nostro piccolo ci siamo mosse segnalando nell’applicazione stessa e a chi di dovere questi utenti.
Ieri mattina abbiamo trovato un appello nella pagina ig laveritasullebloggerfamose e da lì ha preso il via un’ondata di segnalazioni e denunce.
Era una catena di profili con genitali al vento, foto e video di sesso molto espliciti, immagini di bambini o animali maltrattati.
Nella grande maggioranza dei casi accade che vengano rubati account in varie modalità, tramite applicazioni che permettono lo scambio di like, l’utente attiva il servizio e da’il consenso ad utilizzare i propri dati login per dare e ricevere “mi piace”, così però si perde il controllo sul proprio profilo. Il truffatore una volta dentro al sistema può risalire alla password, alla email e ad altre credenziali della vittima e avviene un vero e proprio scambio di identità. In tal modo i pedofili si creano archivi di immagini.
Il reato di sostituzione di persona è punito dal nostro codici penale (art. 494 cp) .
Preveniamo tutti che ciò possa accadere:
– andate all’indirizzo instagram.com/accounts/manage_access , una volta qui eliminate i permessi di accesso ai servizi sospetti.
– cambiate la password almeno una volta al mese
Fortunatamente ieri dopo la pronta segnalazione avvenuta nel noto profilo ig laveritasullebloggerfamose, persone non note hanno fatto presente ai vip il fatto, di modo che si innescasse in modo immediato e diffuso un meccanismo per denunciare queste persone squallide e senza ritegno.
In breve tempo circolavano le istruzioni su come segnalare online i vari utenti e pagine sul sito della polizia di stato.
Ringraziamo tutte la dita che hanno cliccato su quel “segnala utente”, tutte le mano che hanno digitato i nomi di questi criminali sul sito della polizia di stato e i vip che si sono prodigati a diffondere la notizia.

Rispondi