Diario di una “wags”…part XII! Tipe da trasferta!

All’arrembaggio verso la prima di campionato.
In tre..ma fondamentalmente nessuna delle tre del tutto sane di cervello, perchè “se non son matti non si vogliono”!
Con mariti e compagni non proprio favorevoli alla gita, abbiamo messo le mani avanti prenotando e dando la caparra all’hotel…”ormai amore è fatta! Mica possiamo perdere la caparra” e così siamo partite alla volta di Ischia, per goderci però gli ultimi giorni del sole di agosto e per stare a mollo nel mare cristallino.
E allora via di aliscafo noi e il cane..il mio: Margot.
Arriviamo all’hotel facciamo check-in e 1 km per arrivare alla stanza.
Da lì è iniziata una sequela di figure di me**a, ma tanto non ci conosce nessuno, motivo in più per farsi due risate.
Ischia bellissima (non quanto Capri, ma molto bella e piacevole…sempre per quel che riguarda la piccola parte che ho visto, cioè proprio il paese Ischia/Ischia porto), il castello Aragonese molto suggestivo, anche per la sua storia e il modo in cui si è formato – ossia che è tutto arroccato su quella che era una bolla di magma- , la passeggiata che vi porta è tutta illuminata e da lì c’è una vista bellissima sul paese.
Posto consigliatissimo dove andare a mangiare è la Terrazza di Mimì, ottimo cibo e posizione, si trova in fondo alla riva destra del porto (diciamo che lì in tarda serata c’è il ritrovo per la movida isolana).

(Il tutto coronato da una rete di mio marito)

Vi lascio con un pò di foto e con un consiglio: non andate mai a scatola chiusa se non siete da bosco e da riviera!

Rispondi