Archivio mensile:agosto 2014

IceBucketChallenge

Ma vi state facendo una doccia d’acqua ghiacciata solo per fare i fighi? Tutti i vip che hanno fior fior di quattrini lo sanno cosa è l’ #icebucketchallenge o lo fanno solo perché “sono stati nominati Da tizio e a loro volta nominano ciao e sempronio” vi dico solo che se ogni italiano avesse donato un euro-togliendosi quel caffè in più o non comprandosj un pacchetto di sigarette- a quest’ora l’Italia avrebbe donato alla ricerca 20 volte tanto quanto ha donato. 33 mila euro si potevano raggiungere solo con una donazione di un vip di livello ma non vorrei fare l’esagerata allora dico con 4 o 5 donazioni di 4 o 5 vip che invece hanno solo voluto fare i fighi.
Mi é toccato vedere cose allucinanti come una che pensa di essere famosa e di cui nemmeno ricordo il nome che dopo aver detto la filastrocchina iniziale si é accarezzata le tettone sotto una maglietta bianca e si è fatta fare la secchiata si è buttata in piscina e poi sta balenottera fiera di sè si è arrampicata sulla scaletta sballottando ste poccione sotto la tshirt diventata ovviamente trasparente!!! Ma come state messi mandria di pecoroni e pecorone!!! Ma non è un gioco!!! Vi serve questa cosa per ricordare i malati di sla e che ci siano ricerche contro questa e tante altre malattie???
Donate in silenzio in un modo o nell’altro ma non usate una cosa a scopo benefico come puro esibizionismo come moda. Fate pena!!! Un plauso invece a chi ha saputo accompagnare questo ad una donazione. 33 mila euro. Che vergogna!

IMG_5819.JPG

Miss Italia 2014

E’ iniziato tutto per gioco. E’ iniziato tutto quando credevo che la mia vita fosse andata in una direzione e invece è andata in un’altra. E’ iniziato tutto quando tra le mie pazzie estive un giorno mi sono svegliata e mi sono detta: “Oggi mi iscrivo a Miss Italia”. E così è stato.
Mi piace mettermi in gioco: in piccolo amo cantare al karaoke anche se ammetto di non essere una brava cantante, amo ballare ma non sono una ballerina… Mi piace cercare di superare gli ostacoli perchè poi se e quando ci riesci ti senti con delle forze in più, altrimenti sei spronata a migliorare!
Ho iniziato a girare la Toscana in lungo e in largo e con mio stupore ho iniziato a vincere le fasi provinciali: Miss Forte dei Marmi (c’è da dire che questa fascia dopo l’estate che ho fatto me la merito proprio ahahaha), Miss Prato e Miss Lamporecchio.Nelle selezioni regionali non è stato facile aggiudicarsi la tanto ambita fascia che mi avrebbe portato a Jesolo alle prefinali nazionali, ma alla fine ce l’ho fatta: Miss Wella Toscana 2014 sono io. Quando il presentatore Raffaello Zanieri ha annunciato la mia vittoria è stata una gioia e un’emozione grandissima. Fasciata e incoronata mi è venuto d’istinto abbracciare la mia compagna di avventura e ormai amica Miriam… In quell’abbraccio c’era tutto il bene e il sostegno che due ragazze giovani e piene di sogni si possono trasmettere. Ebbene si cara: partiamo insieme per Jesolo! 🙂
Ma l’emozione più grande è stata la felicità dei miei genitori e dei miei amici “porta fortuna” che tanto mi hanno sostenuto: Chiara, Giulia (l’anno prossimo tocca a voi! 🙂 ) e Gianmaria (che è il cognato più bravo e bello che potevo avere). E’ bello sapere che qualcuno ti vuole davvero bene per quella che sei e gioisca per te nei momenti felici, gliene sarò sempre riconoscente.
L’unica persona che mancava all’appello e forse la più importante è mia sorella che è andata a vivere in America per dieci lunghi mesi. Io e lei ci siamo sempre volute bene, guai a chi me la toccava ma non siamo mai andate totalmente d’accordo e spesso litigavamo come forse è normale che sia tra due sorelle che hanno quasi sei anni d’età di differenza. Ma quest’estate è stata magica e ci ha fatte finalmente avvicinare… e lei è diventata la mia migliore amica, il mio tutto. Mi dispiace che non sia qui a sostenermi fisicamente ma so che lo sta facendo a distanza quindi va bene lo stesso!

Ora carica più che mai… La vera avventura iniza adesso!
V.

Greta e Vanessa

Questo post sarà un po’ diverso dai precedenti e dallo spirito del blog in generale. Contenitore di vita, sogni e idee di quello che è il mondo di tre ragazze ventenni. Ma non sempre si può restare negli schemi e seguire le categorie, non sempre le categorie riescono ad inquadrare tutte quelle che sono le pieghe di quel vestito che tutti i giorni ci accompagna nella nostra quotidianità. Ci sono vari tipi di amore: verso i genitori che ci hanno messo al mondo; verso gli amici, la “famiglia” che ci siamo scelti; verso i fratelli o le sorelle, stesse radici e stesso sangue; verso il fidanzato/marito/compagno, la nostra metà della mela…poi esiste un altro tipo di amore, quello verso gli altri. Verso persone che non conosciamo ma verso cui una calamita ci spinge. Esiste l’amore ed il coraggio di affrontare le scelte. Così come esistono gli ideali, anche se in questa società moderna parlare di ideali pare cosa un po’ utopistica. Gli ideali però esistono, così come il coraggio e l’amore verso gli altri e secondo me Greta e Vanessa erano tutto questo: amore, coraggio e ideali. Non sono qui per entrare nel merito dell’associazione di cui facevano parte, della cronaca di come le hanno rapite, della politica internazionale…no, sono qui a scrivere questo misero post perché da ventenne non ci sto a sentir dire che “se la sono cercata”, che “ai Maró non ci pensiamo più” e tutte le altre parole lanciate al vento, perché di questo si tratta, di cui le persone si riempiono la bocca. Greta e Vanessa sono due ventenni proprio come me, Veronica, Maria Elena e altre migliaia di ventenni che hanno avuto il coraggio di fare una scelta: quella di preparare una valigia e partire per la Siria. La Siria, Gaza, una striscia di terra in cui ogni giorno vengono uccise persone: bambini, uomini, donne…non hanno volto e non hanno nome…la guerra è guerra, si dice. E se la guerra è guerra, chi siamo noi per giudicare il coraggio di queste due ragazze di voler fare davvero qualcosa per cambiare il mondo? Il coraggio di agire per migliorare quello che non va bene? Perché il coraggio e gli ideali sono cosa ben diversa dal mettere un “mi piace” o “condividere” un link su Facebook. Il coraggio e gli ideali sono quelli che ti portano a chilometri da casa a fare volontariato sotto i bombardamenti di una guerra che non hai scelto tu, ma nemmeno chi la sta subendo. Non ci sto a liquidare con un “che ci sono andate a fare” la vita e i sogni di Greta e Vanessa. Non è giusto e in un mondo dove le cose non giuste hanno preso il sopravvento dobbiamo sottolineare che il bene e i buoni esistono, che non è tutto cattivo o tutto nero, che la speranza è cosa vera e in cuor mio c’è anche la speranza che queste due ragazze possano tornare a casa, alla loro vita, ai loro cari.

A Greta e Vanessa…grazie per il coraggio avuto anche per molti di noi.

La cornice del nostro sguardo

Così come un bel quadro ha bisogno di una cornice per essere valorizzato completamente, anche il nostro viso ha bisogno di essere “incorniciato” e messo in risalto grazie alle sopracciglia! Molte sottovalutano l’importanza della loro cura e del loro disegno, commettendo molto spesso anche alcuni errori quando vengono depilate, con risultati non sempre “azzeccati”. Come possiamo dunque ottenere un aspetto armonico e naturale?

Iniziamo dicendo che ne esistono di diverse forme: tonde, ad ala di gabbiano, allungate…il primo punto importante da rispettare nell’epilazione è quello di non stravolgere troppo la forma naturale che abbiamo, eliminando solo quei peli che si trovano nella parte inferiore del nostro arco sopraciliare, definendolo.

La depilazione può essere eseguita in svariati modi, dalla ceretta all’innovativo metodo con il filo di cotone fino ad arrivare alla famosissima e comune pinzetta.

E’ importantissimo per quanto riguarda quest’ultimo metodo l’utilizzo di una pinzetta professionale, poiché quelle di bassa qualità rischiano di spezzare il pelo, favorendo la comparsa di irritazioni, rossori ed rincarnimento. Il brand REGINE SWITZERLAND è un leader indiscusso per questo tipo di accessorio cosmetico, che grazie ai materiali e ai vari modelli a loro disposizione, epilano il pelo con estrema precisione alla radice del bulbo senza causare traumi. E’ importante depilarle quando la pelle risulta morbida: applicate dunque prima una crema idratante nella parte da trattare e procedete alla pulitura dell’arco.

Possiamo però, grazie al makeup, ridisegnare o riempire le nostre sopracciglia in modo naturale, grazie a vari set venduti in commercio. Il Kit ANASTASIA BEVERLY HILLS promette sopracciglia da star; per il marchio statunitense, quella delle sopracciglia è una vera e propria opera d’arte da compiere grazie all’utilizzo di kit composti da polveri, cere naturali, illuminanti e pennellini. Grazie anche agli stencil contenuti all’interno e alle molteplici tonalità di colori in vendita, l’operazione di riempimento e definizione dell’arco viene facilitata, donando allo sguardo un aspetto naturale e curato.

Le matite automatiche MAC invece, riescono a riempire, intensificare e sottolineare con piccoli tratti l’arco sopraccigliare. Grazie all’innovativa formula automatica possiamo utilizzare questo prodotto proprio come se fosse una “matita grafica” per un effetto super aereodinamico e ultra definito.

…E dopo averle depilate e truccate come possiamo “fissarle”?

In vendita esistono diversi gel fissativi o mascara colorati appositi da applicare direttamente sul pelo, adatto alle pelli più sensibili, uno di questi è il Gel Trasparente di Diego Dalla Palma che garantisce sopracciglia da diva per tutto il giorno!

Diario di una “wags”… Part XI “Arrivederci Terni”

Ciao Terni.
È ufficiale: si è concluso anche questo capitolo.
Siamo nuovamente con le valige, se non pronte quasi.
Dopo due anni, un altro trasloco in vista.
Quando stava svanendo la possibilità di rimanere a Terni, non nego di aver pianto.
Ogni volta che pensavo alle amicizie che avrei potuto lasciare.
Quando stai accanto ad una persona che fa questo lavoro però lo sai già.
Ma tutte le volte non ci pensi, eppure cambi luogo e amicizie, così come viene, così come gli altri decidono per te, dopo un anno, due..a volte sei mesi.
Dovremmo non avere un cuore.
Il calciomercato mi ha allontanato da amiche come Ketty e Valeria, poi mi ha avvicinato a Sofie e dopo sei mesi me l’ha portata via, poi a Justyna la mia vicina di casa top, alla rossa più bella e matta tra le “wags”, la neo signora Ferronetti: Arianna, Stefania G. ed infine, ma assolutamente non per importanza, alla mia Fabi.
Non solo..a Terni avevamo -abbiamo- degli amici cari extra calcio: Gianfilippo e Valentina. Gli vogliamo un bene dell’anima.
In un colpo solo ho perso Vale e Pipolo, Fabi e Nico, Justyna e Arianna.
Che poi “ho perso” si fa per dire, perché me li porto nel cuore, me li tengo stretti a distanza, CI teniamo stretti.
Se devo essere sincera inizialmente Terni, oltre qualche vietta del centro, non è che mi piacesse poi così più di tanto (chiedo venia ai ternani, ma son sincera… Più che altro mi mancava il mare e, dopo due anni vicino ai miei, mi mancava la famiglia), dopo il primo anno forse mi sarebbe scocciato meno venir via. Ma quest’anno mi è pesato molto. C’ho sperato tanto, ma invano.
E così ho scritto a Fabi con gli occhi gocciolanti, lei e Nicolas sono stati un dono bellissimo, due ragazzi con un cuore grande, di ottima compagnia, dalla battuta pronta e di una dolcezza infinita.. In pochi mesi si sono guadagnati fiducia e tanto amore da parte nostra. E poi è toccato avvertire anche Vale e Pipolo.. Ma loro son dei girelloni e ci verranno a trovare spesso -anche perché sennò li vado a strozzare-! Ringrazio anche persone (in ordine cronologico di conoscenza) del posto che ci hanno dato una mano: Manuel, Gianluca (assieme a Cristina, Alessia, Francesca, Veronica, Stefania che ci hanno sempre accolto a braccia aperte), Giulia (007 e mascotte personale) se dimentico qualcuno mi scuso. Mando un forte abbraccio alle altre mogli e compagne Michela, Elisa, Katia, Cristina, Laura e anche Vita, Camilla, Daniela ed Eleonora.
Mi mancheranno tantissime cose, tantissime risate e abbracci giornalieri.
Fortunatamente le persone che contraccambiano questo affetto sapranno riscaldarci il cuore anche lontano.
Grazie ai tifosi che hanno fatto sentire tutto il loro affetto a mio marito in un’annata difficile come questa, anche se ad alcuni vorrei dire che all’inizio del primo anno vi avrei voluto tappare la bocca, a volte in tribuna c’era qualcuno che offendeva pesante e urlava contro, però ovviamente si deve preventivare anche questo… Anche se si dovrebbero sempre dare delle chance, si dovrebbe dare sempre modo ad una persona di rivelarsi, prima di attaccarla.
Ad ogni modo da Fera passa ad essere uno Stregone (mi sembra di aver capito che si dica così), ma una parte sua sarà tanto stregone, quanto fera, quanto torello. In ogni città in cui andremo ci porteremo un po’ di Terni, come ci siamo portati dietro un po’ di Grosseto (difficile non portarsela, dato che è la mia, e adesso anche la sua, città).
Nella prossima parte vi racconterò di… Benevento.20140803-233733-85053682.jpg

20140803-233733-85053564.jpg

20140803-233733-85053960.jpg

20140803-233733-85053802.jpg

20140803-233734-85054269.jpg

20140803-233734-85054368.jpg

20140803-233734-85054121.jpg

20140803-233734-85054652.jpg

20140803-233734-85054519.jpg

20140803-233734-85054837.jpg

IL MASCARA PER LE NOSTRE…NOTTI BRAVE!

Quante volte, soprattutto d’estate, siamo andate in discoteca per scatenarci.
Abbiamo fatto le ore piccole, siamo andate a letto senza struccarci (faccio finta addirittura di non averlo scritto!) e ci siamo svegliate con gli occhi neri tipo panda.
Alzi la mano a chi non è successo!
Spesso capita che il trucco non regga quanto vorremmo, causa il caldo eccessivo e la formula sbagliata del mascara che usiamo quotidianamente.
Il miracolo ancora non c’è ma per le nostri notti estive (e perché no, anche le nostre giornate) Lancôme ci viene incontro creando il nuovo mascara Cils Tint (€ 34,63 circa).
È un mascara semipermanente ed è un vero e proprio trattamento; è il primo mascara Tenuta 72 ore ed è ovviamente waterproof.
Inoltre la formula è arricchita in Pro-vitamine B5, olio di rosa e ceramide, per ciglia fortificate e naturalmente più dense.
Adattissimo per chi ha le ciglia chiare in quanto ne intensifica il colore con un effetto ultra black e crea anche un velo protettivo.
Applicazione: Cils Tint va applicato sulla parte superiore delle ciglia non esagerando con il prodotto e bisogna aspettare qualche minuto perché il prodotto si fissi.
Quando la sera vi struccate togliete solo matita e ombretto con uno struccante specifico per occhi, evitate il latte detergente. Per rimuovere definitivamente il mascara usate uno struccante a base oleosa, regola valida per tutti i prodotti waterproof.
Penso sia un grande aiuto per chi cerca la massima definizione delle ciglia e per chi non ha molta voglia di struccarsi la sera, anche se consiglio sempre di farlo.
Essendo waterproof può essere usato anche in spiaggia perché è ideale per il week end, le vacanze, lo sport e anche il nuoto.
Non mi resta che augurarvi buone vacanze e buona estate!
Vi lascio come sempre il link della mia pagina visto che posto sempre qualche novità! A presto!

Sara Make Up

cils-tint-de-lancome

A tutte le domeniche e ai nuovi risvegli.

Che possa essere una di quelle domeniche lente, tra le lenzuola bianche e stropicciate di un letto disfatto. Svegliarsi con l’odore di caffè e il rumore del mare a suonare una vecchia melodia. Che possa essere una di quelle domeniche lente dove non esiste orario, se non quello del sole che ti abbronza la pelle e ti illumina i capelli. Sognare tra le pagine di un libro già letto mille volte, con le cuffie nelle orecchie, una storia perfetta che non esiste fuori da quel mondo di inchiostro e carta. Che possa essere una di quelle domeniche lente, da passare con la persona che amate.

A tutte le domeniche e ai nuovi risvegli.